Ottobre 22, 2021

PrettyGeneration

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia

Arrivo dall’Italia: tributo tardivo a un soldato coraggioso

Eric Eder è morto nel 1998

La storia non è stata un problema per decenni. Solo pochi anni fa lo storico italiano Roberto Masoli ha pubblicato questo caso in un libro. Per fare ciò, si è basato sul diario di Alfredo Sarano, membro della comunità ebraica di Milano, che è stato uno di quelli salvati con la sua famiglia e poi emigrato in Israele. Masoli andò però alla ricerca di Eric Eder, che morì nel 1998. Ma ha trovato la famiglia di Eder. Suo figlio Günther Eder, un avvocato di Landshut, è rimasto sorpreso nell’apprenderlo cinque anni fa. Suo padre non ha raccontato la storia.

Invita il monastero ogni Natale

G padrenther Eder si accorse solo che suo padre era in contatto con il monastero e vi faceva sempre visita a Natale. Nell’immediato dopoguerra, ottenere una connessione internazionale non è stato facile, ma suo padre non si è arreso anche se ci sono volute due ore: è stato felicissimo quando è stato creato.

Eric Eder ha poi parlato ai monaci in latino, che faceva parte dell’attività di suo padre, spiega il figlio. “Allora Natale a lui!”

Incontro di famiglie

La famiglia di Eric Eder ha già visitato l’Italia alcune volte e ha incontrato le figlie di Alfredo Sarano. Peter Caspart dice che è sicuramente un incontro toccante quando due famiglie si incontrano da più di 70 anni.

“Nel giardino dei giusti del mondo”

In Italia, Emanuel Petrucci riferisce che c’è anche un concorso scolastico per salvare il popolo nascosto di Momborocio. Per congratularsi con i vincitori del premio, Charlotte Nobloch, presidente della comunità israeliana di Monaco e dell’Alta Baviera, ha reso omaggio a Eric Eder nel 2019 come “Luce nell’oscurità di Showa”.

READ  Il problema cinghiale dei sindaci romani

Anche il sindaco Emanuel Petrucci vuole allestire a Mombarosio un museo per commemorare i “giusti del mondo” in cui sono documentati i risultati del concorso studentesco. Quest’anno a Milano Eric Eder è stato riconosciuto come il “Giardino dei Giusti del Mondo”. Incapace di tenere una cerimonia importante a causa della crisi della Corona, il sindaco Emanuel Petrucci ha portato il certificato in Germania e lo ha consegnato alle famiglie nelle chiese. Il figlio Günther Eder è orgoglioso di suo padre. “Sì, certo”, dice. “Certo che non tutti l’avrebbero fatto!”