Gennaio 16, 2022

PrettyGeneration

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia

Erlangen: l’infermiera italiana ha lasciato la clinica universitaria all’inizio del 2022

Dove voglio vivere e lavorare? Questa è una domanda importante a cui ogni persona deve rispondere ancora e ancora nella sua vita. La giovane infermiera italiana Francesca Leombruno ha preso quest’anno due decisioni esistenziali: la prima all’inizio del 2022, quando è tornata da cinque anni felici di lavoro nel reparto B3-2 della Clinica Chirurgica (Direttore: Prof. Dr. Robert Gritzmann – secondo Friedrich-Alexander -Sotto) La clinica universitaria non è più andata nel suo paese natale per lavorare lì.

Tuttavia, pochi mesi dopo, ha fatto di nuovo la stessa domanda e ha deciso di tornare a Erlong. “Non solo qui lavoriamo tutti fianco a fianco, ma condividiamo molti ambiti della nostra vita”, dice, descrivendo la buona collaborazione nel “suo” rione. I medici, gli infermieri e il direttore della clinica sono stati molto felici di rivedere i loro colleghi; Sono stati in stretto contatto con Francesca Leombruno negli ultimi mesi attraverso vari gruppi WhatsApp.

“Sono tornato ad essere vicino ai miei genitori e nonni lì, e con le conoscenze che ho acquisito a Erlong ho pensato che avrei potuto lavorare facilmente in Italia”, ha ricordato ridendo il 29enne. Ma nonostante i tanti tentativi, la giovane donna non è riuscita a trovare un lavoro come infermiera vicino alla sua famiglia che rispondesse alle sue aspettative.

“Non ha funzionato; Alla fine i miei genitori volevano che tornassi in Germania in modo che potessi essere di nuovo felice. Mio nonno è molto orgoglioso di me e del mio lavoro presso la clinica universitaria di Erlangen “, ha affermato Francesca Leombruno, che ha iniziato la sua carriera come infermiera a tempo pieno presso il reparto B3-2 nell’estate del 2016.

READ  Il miglior Lampada Da Testa: Scelto per te

“Quando ci siamo incontrati, parlavi un po’ di tedesco e ora parli fluentemente”, ricorda il direttore della clinica Robert Kirtzman – che ha iniziato a lavorare nel 2016 presso la clinica dell’Università di Erlangen, come Francesca Leombruno. “La stazione B3-2 è più di un semplice luogo di lavoro, grazie in gran parte a Robert Zimmer, che la gestisce da 33 anni”, ha sottolineato il professor Gritsman. “Ha creato un piccolo mondo qui in cui l’intero team si sente molto a suo agio; è davvero come essere in una famiglia”, esclama il chirurgo.

Soprattutto, assicurati che le persone lavorino ugualmente bene. “In questo modo, di tanto in tanto la critica è possibile senza compromettere la buona situazione”, afferma il professor Gritsman. “Qui tutti hanno la stessa voce, indipendentemente dal fatto che siano l’assistente infermieristico o il direttore della clinica. Nuovi colleghi si aggiungono al team, il che crea fiducia”.

Robert Zimmer aggiunge: “Ci vediamo come un’intera squadra, ci ascoltiamo a vicenda. Ogni nuovo medico riceve da me un lungo tour del reparto, in cui spiego in dettaglio tutte le procedure in modo che loro e gli infermieri lavorino insieme per i pazienti, non fianco a fianco.

Un ottimo esempio del lavoro professionale che si svolge nel reparto B3-2 è la cura degli infortuni: “Questo è un argomento complesso che ha trovato il suo posto professionale nell’assistenza infermieristica”, spiega il professor Gritsman. “Molti professionisti del settore medico – me compreso – non conoscono molto le varie associazioni, ad esempio le lesioni croniche.

Ecco perché voglio che un’infermiera esperta mi spieghi come indossare una fasciatura speciale. Siamo debitori all’impegno di Robert Zimmer nel trasformare questo in un problema ricorrente e al fatto che i nostri medici sono ora molto interessati alla cura delle ferite “, ha sottolineato il direttore della clinica.

READ  Immagini dall'Italia - Amore e altre arti - Monaco di Baviera

Riunioni regolari, visite a eventi come il Bergkirchweih o il mercatino di Natale e viaggi brevi come le escursioni sugli sci nei fine settimana: attualmente ci sono 26 infermieri e dieci medici nel reparto B3-2 che stanno facendo molto insieme. Volta.

“Abbiamo personale, alcuni dei quali si conoscono da decenni e integrano rapidamente i nuovi arrivati”, spiega Robert Zimmer. “Questo buon team building è in circolazione da molto tempo e come manager della stazione è importante che io stia sempre nel mezzo”. Dare fiducia ai miei colleghi e dare loro l’opportunità di crescere: questi sono due. Regole d’oro, secondo le quali Robert Zimmer gestisce la sua stazione.

«A volte significa anche partire come Francesca», dice il responsabile del servizio di manutenzione e operazioni, che può coprire solo 18,5 delle 23 posizioni attuali. “Speriamo tutti che più colleghi si uniscano a noi in primavera e che sarà più facile per tutti”. Questo è un altro motivo per cui Robert Zimmer è così felice dell’arrivo inaspettato di personale infermieristico esperto. “Nonostante la lingua straniera, ha imparato tutto molto velocemente ed è un valido supporto.”

Francesca Leombruno ha trovato lavoro nel suo comitato di rione per esaudire tutti i suoi desideri. “L’Italia ha alcune differenze: per me è più facile proseguire gli studi qui, è possibile nel mio paese, ma deve essere pagata privatamente.

Anche se quest’anno Francesca Leombruno deve trascorrere il Natale separatamente dai suoi genitori e nonni, le piace stare insieme in corsia durante l’Avvento. “L’anno scorso, prima di Natale, eravamo molto tristi perché ero già deciso a partire ed era difficile per noi salutarci. Adesso voglio fare di nuovo un felice Buon Natale!”, ha detto l’infermiera Kadir.

READ  Il miglior Adesivi Alfa Romeo: quali sono le tue opzioni?