Dicembre 5, 2021

PrettyGeneration

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia

Inflazione: perché l’inflazione è necessaria in Italia e non in Germania | Notizia

Il tasso di disoccupazione e il PIL variano notevolmente da una regione all’altra

L’Italia beneficerà dell’inflazione, la Germania no

Diversi stock di esportazione dei due paesi

L’introduzione di una moneta comune dovrebbe rafforzare l’integrazione e la cooperazione economica all’interno dell’UE. In effetti, è difficile trovare consenso, soprattutto sulle questioni economiche. Soprattutto nell’area della politica monetaria, sono evidenti i conflitti tra Stati membri del sud come l’Italia e rappresentanti del nord come la Germania. Secondo gli esperti, la diversità delle economie europee richiede strategie economiche nazionali diverse, spesso difficilmente conciliabili con l’idea di una moneta comune.

Sviluppi storici e differenze regionali

Lo sviluppo storico verso lo stato nazionale è stato molto simile in Germania e in Italia. Mentre i piccoli stati su larga scala si sono fusi come parte di un processo di integrazione a lungo termine, numerose città-stato più piccole si sono fuse. Nonostante la crescita economica complessivamente positiva, fino ad oggi rimane un problema: grandi differenze regionali tra i due paesi. Se guardi a cifre chiave come il PIL o il tasso di disoccupazione, puoi vedere chiare differenze tra gli stati federali tedeschi nonostante il welfare state ben sviluppato.

Un riferimento allo standard di potere d’acquisto KKS fornisce questo: KKS è una valuta bilanciata che compensa le differenze di livello dei prezzi tra i paesi, rendendo così possibili confronti significativi del volume del PIL. Il PIL pro capite in SPA in Alta Baviera era 173 nel 2019 e nel McLenberg-Pomerania occidentale era 84. Il valore nello stesso periodo era 120. In Alta Baviera il tasso di disoccupazione nel 2019 era dell’1,9% e nel McLenberg-Pomerania occidentale 4, 0 per cento.

READ  Il miglior Cinturino Orologio 18Mm: quali sono le tue opzioni?

Anche in Italia il divario economico tra le regioni del nord e del sud resta un grosso problema. Nel 2019 il PIL per cittadino su PBS è stato di 127 in Lombardia e 56 in Calabria. Il dato nazionale era 96. Il tasso di disoccupazione era del 5,6 per cento. 21 per cento in Lombardia e 2019 in Calabria. La disuguaglianza economica tra le regioni crea tensione politica e minaccia l’unità del Paese. Ciò si può vedere nelle continue richieste delle regioni del nord Italia Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna per ulteriore autonomia e sovranità decisionale finanziaria.

Nessun interesse comune

La stabilità economica è necessaria sia per la Germania che per l’Italia per ridurre le divisioni regionali e rafforzare l’unità tra i popoli. Ma le economie dei due paesi sono molto diverse. La Germania è un paese esportatore. Le esportazioni in Italia sono significativamente inferiori. Nel 2019 le esportazioni hanno rappresentato il 46,6 per cento del PIL e il 31,7 per cento per l’Italia. L’appartenenza all’Eurozona e al mercato interno europeo presenta importanti vantaggi per l’economia di esportazione tedesca. Una moneta stabile ed equilibrata all’interno di uno spazio economico comune aumenta la competitività. Quindi l’economia tedesca dipende dalla bassa inflazione nell’area dell’euro. Tuttavia, l’inflazione è in costante aumento da molti anni. Anche in Germania i prezzi al consumo sono in aumento da anni.

La situazione in Italia è leggermente diversa. Il Paese ha bisogno di più inflazione della Germania perché le aziende del Sud non possono competere sui prezzi con i concorrenti di altre regioni in patria e all’estero. L’Italia non ha registrato un aumento costante dell’inflazione. Nel 2020 i prezzi sono diminuiti (0,1 per cento rispetto all’anno precedente). Prima dell’introduzione dell’euro, l’Italia svalutava la propria lira per mantenere la competitività al fine di stimolare l’economia. Poiché la politica monetaria nell’UE è controllata esclusivamente dalla Banca centrale europea, la politica dei prezzi iniziale di un paese membro non è più possibile. L’ultima risorsa è ridurre i salari e gli stipendi per garantire la competitività. Questo mette una certa pressione sul Sud economicamente debole.

READ  Il miglior Multipresa Senza Cavo: Scelto per te

Kursterung der EZB

La BCE segue da tempo l’esempio della banca centrale tedesca, il cui obiettivo principale è garantire la stabilità dei prezzi. Quindi l’inflazione dovrebbe essere bassa. Tuttavia, questo è cambiato negli ultimi anni. Nel 2014 la BCE ha attuato un programma di acquisto a tempo determinato di titoli da mutuatari pubblici e privati. Attraverso il “piano di acquisto di attività”, i rischi di una bassa inflazione a lungo termine devono essere ridotti al minimo. Un progetto simile è stato lanciato nel 2020. Lo scopo del “Programma di acquisto di emergenza epidemica” è principalmente quello di prevenire la recessione causata dall’epidemia di corona e l’imminente bancarotta di alcuni Stati membri.

Tuttavia, tali misure sono controverse. Nel 2020 la Corte costituzionale federale tedesca ha dichiarato il programma di appalti in qualche modo incostituzionale. Thorsten Bolleid, capo economista del Texas Goldandal, ha criticato l’ECP per non essere responsabile del nuovo prestito dei paesi dell’euro. La BCE ha risposto alle critiche chiarendo che l’aumento dell’inflazione è stato solo un fenomeno temporaneo. Non sono escluse ulteriori misure per combattere le conseguenze economiche dell’epidemia.

M. Weiser / Autori finanzen.net

Fonti immagine: Brian A. Jackson/Shutterstock.com, MichaelJaiberlin/Shutterstock.com