Ottobre 22, 2021

PrettyGeneration

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia

Manifestazioni contro il regime “3-G” in Italia

Migliaia di persone sono scese in piazza ieri in diverse città italiane per protestare contro la decisione del governo italiano di estendere a tutti i lavoratori la cosiddetta regola “3-G” dal 15 ottobre. Le più grandi manifestazioni si sono svolte a Roma, Milano, Torino e Trieste.

Migliaia di persone si sono radunate in piazza Laudern a Roma per lanciare slogan contro il dovere “3-G”, che hanno descritto come “ricatto”. Hanno messo in guardia dal “pericolo per la democrazia” e hanno criticato l’obbligo di tutti i dipendenti del settore pubblico e privato di fornire un passaporto verde come prova. L’Italia è stato il primo Paese al mondo ad introdurre la regola “3-G” per tutti i dipendenti.

Già obbligatorio in alcune zone

Attualmente il pass deve essere già rilasciato all’interno di ristoranti, cinema o stadi, su treni intercity, bus e voli nazionali. In Italia è prevista la vaccinazione obbligatoria per operatori sanitari e pensionati.

Il titolare del passaporto verde dimostra di essere stato vaccinato contro il governo 19, risultato negativo nelle ultime 48 ore o recentemente guarito dalla malattia. Diverse organizzazioni che si oppongono all’obbligo di avere un lasciapassare verde hanno indetto una manifestazione di protesta.

Tensione a Milano

La tensione è scoppiata tra i manifestanti e la polizia a Milano quando circa 1.500 persone hanno sfondato una barriera e hanno cercato di raggiungere un’area a poca distanza da Piazza del Duomo, dove il discorso elettorale del leader dell’opposizione di destra Georgia Melloni “Fdeli d’Italia” (FdI / Fratelli d’Italia) si stava svolgendo. La polizia ha detto che non ci sono stati feriti.

In mattinata si è svolta a Trieste una grande marcia di protesta. “No Green Passport, No Racism” si legge su due grandi striscioni. Bloccato in tutto il centro città. Alcuni manifestanti hanno paragonato le misure sanitarie al “fascismo mascherato”, mentre altri hanno scandito slogan contro il primo ministro italiano Mario Draghi. Secondo gli organizzatori, alla più grande manifestazione triestina degli ultimi anni hanno preso parte 20mila persone. Mentre la marcia di protesta è passata davanti alla sede regionale della televisione pubblica RAI, i manifestanti si sono fermati e hanno scandito slogan contro i media.

READ  Il miglior Cavo Hdmi 30 Metri: Scelto per te