Dicembre 5, 2021

PrettyGeneration

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia

Più rifugiati in Italia? – Commento

Nel dibattito europeo sulle politiche migratorie, l’Italia da alcuni anni si trova di fronte a un grosso problema: si chiama Italia. Domenica scorsa, una nave dell’organizzazione tedesca CI ha portato più di 800 persone nel porto di Tropani, in Sicilia. Si tratta della più grande operazione di salvataggio di una nave nel Mediterraneo dal 2017. Il ministro dell’Interno italiano Louisiana Lamorquez ha colto l’occasione per ristabilire la rotta italiana: “E’ giusto salvare gli immigrati italiani”, ha detto. Ma non è giusto che lo faccia solo l’Italia. O in altre parole: accusate gli alleati europei di lasciare di nuovo sola l’Italia. Ma è vero anche questo?

Quando si parla di immigrazione, l’Italia commette sempre tre errori

È vero che il numero è in aumento. Nel 2019, quando il capo della Lego Matteo Salvini era ministro dell’Interno, sono arrivati ​​in Italia meno immigrati che in un decennio: 11.000. Negli ultimi dodici mesi, 60.000. Tuttavia, questa è la situazione. Sta peggiorando in fretta’ così Lamorquez può giustamente chiedere all’Europa di aiutare l’Italia. Ma, come spesso accade, la realtà è un po’ più complicata di quanto si pensi. E c’è di più: l’Italia fa gli stessi tre errori da molti anni quando si parla di immigrazione.

In primo luogo, si ritiene ancora che il numero degli arrivi sia direttamente correlato alla presenza di navi di soccorso private nel Mediterraneo. Si dice che senza queste navi gli immigrati non sarebbero partiti. Abbiamo sentito questo argomento molte volte dal 2016 ed è impresso nella mente delle persone che è logico e indegno di discussione. Questo è sbagliato. Quest’anno, ad esempio, solo il 13 per cento degli immigrati che hanno raggiunto l’Italia è stato salvato dalle agenzie umanitarie, tutti gli altri sono venuti diversamente. Ai tempi di Salvini era il dodici per cento, più o meno. Ma da allora il numero dei visitatori è quintuplicato.

READ  Italia: Alluvione in Sicilia: due morti

In secondo luogo, gestiamo sempre l’evento come se ci fossero “più” immigrati. 60.000 sono tanti, ma sono “troppi”? Il sistema italiano dei rifugiati per gli immigrati, infatti, non subisce alcun tipo di pressione, nonostante il numero crescente e le complicazioni dell’epidemia. A ottobre 2021, in queste strutture c’erano 80.000 persone, più del doppio rispetto a quattro anni fa: 191.000. Un’altra statistica contraddice l’adagio del “più”: il numero di stranieri che vivono in Italia è stabile dal 2014 ed è in costante calo dal 2018.

L’unità non manca

Terzo, anche il presupposto italiano che altri paesi europei manchino di unità è errato. Da anni l’Italia dice che l’Accordo di Dublino dovrebbe essere cambiato: quelle regole dovrebbero occuparsi della domanda di asilo del Paese in cui l’immigrato ha messo piede per primo sul suolo europeo. In realtà, questo non è quasi mai il caso. La maggior parte delle persone che vengono in Italia vuole andare più a nord, ad esempio in Germania. Tra il 2013 e il 2020 erano 80mila. La Germania ha chiesto all’Italia di ritirarli. Ma in realtà solo 11.000 sono tornati in Italia, ovvero il 14 per cento. Tutti gli altri sono rimasti in Germania. Questo è il nostro miglior segreto. A volte sembra che il nostro governo non ne sappia nulla, almeno non lo dice agli italiani.

La Germania e l’Italia hanno un interesse comune a riformare Dublino ea rendere più uniti gli altri paesi. Per inciso, sarebbe nell’interesse di entrambi se la questione dell’immigrazione fosse negoziata in modo pratico e realistico piuttosto che ideologicamente.

Matteo è ricercatore presso l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) di Villa Milan. È uno dei massimi esperti di migrazione in Italia.

READ  Raid a livello nazionale: l'Italia attacca la mafia